Thai Food

La frutta Thailandese

La frutta thailandese è caratteristica dei climi tropicali. Tra la più nota in Occidente vi sono banane, ananas, manghi e cocchi ma si possono trovare diversi tipi di frutta meno conosciuta. Ecco un breve elenco della frutta thailandese che è più facile da trovare nelle bancarelle e nei mercati locali.

Pitaya

Generalmente la buccia di questo frutto, chiamato anche Dragon Fruit dall’inglese, è rossa o gialla. La polpa all’interno del frutto, di color bianco con numerosi e piccoli semi neri commestibili, è di consistenza morbida ed ha un gusto dolce, delicato e profumato.

Noce di cocco

Il cocco in Thailandia (chiamato มะพร้าว,mahphrao) quando è fresco ha parte della polpa particolarmente morbida e l’acqua di cocco naturale viene utilizzata per ottenere il “latte di cocco”. Le proprietà benefiche del cocco sono elevate, con il liquido all’interno ricco di vitamine e sali per reidratarsi dopo l’abbondante sudorazione causata dal caldo tropicale. Viene molto utilizzato per la preparazione di dolci e piatti salati. Come ad esempio nelle Zuppe Geng Panang, Geng Khaeuwan, Tom Yam Koong Nom Sai o nei dolci Buahima, Pudding nomsot, Piakpoon.

Geng Panang, zuppa al curry rosso con latte di cocco, basilico e lemongrass.


 Papaya

Molto facile da coltivare, la papaya è tra la frutta thailandese più popolare. Viene infatti utilizzata ancora acerba per l’insalata di papaya, chiamata in Thailandia som tam, una delle pietanze più apprezzate nel nord-est, ma in generale in tutto il Paese e anche in Laos. Il frutto è colpito a livello globale dal virus papaya ringspot e la Thailandia è all’avanguardia nella sperimentazione di papaya OGM.

Mango

Molto conosciuto anche in Occidente, il frutto si presenta in diverse varietà e viene consumato in diversi modi. Uno dei più popolari è consumarlo maturo insieme al riso glutinoso cotto nel latte di cocco e dolcificato. Il mango maturo è molto dolce e gustoso, ma viene consumato anche acerbo a pezzi intinto nel peperoncino oppure in strisce per insalate.

Pomelo

Il pomelo è un enorme agrume che cela sotto una spessa scorza degli spicchi giganti simili a quelli del pompelmo. La differenza è il sapore che, in questo frutto tropicale, è dolce e dissetante.

Rambutan

Di gusto e dimensioni simili al litchi, ha una buccia rossa coperta da escrescenze filiformi. Rambut è il termine malese per capello, riferito a tali escrescenze che dunque danno il nome al frutto. La polpa è traslucida e dolce, con un duro nocciolo centrale.

Mela Cannella

Ha l’aspetto di una pigna verde ancora chiusa. Si apre facilmente quando è ben maturo facendo una leggera pressione con i polpastrelli sulla scorza. All’interno, la polpa dolce e cremosa circonda i molteplici semi dalle dimensioni di una ciliegia. Chiamato in inglese Sugar Apple, il frutto in Thailandia ha il nome noi na.

Banane

Le banane sono presenti ormai in tutto il mondo, e in Thailandia si trova ovunque in una vasta gamma di varietà. Viene usata anche per la preparazione di diversi dolci, fra cui spicca la banana fritta in pastella.

Ananas

Questo frutto è particolarmente saporito in Thailandia. Ne esiste una varietà piccola molto dolce e gustosa. Il nome thai è Sabparod. Da noi puoi gustarla nel Khau Pad Sabparod.

Fonte: https://thaifoodtorino.it

 

Chi siamoSuvanant Kalijaga

Mi chiamo Suvanant Kalijaga, una Thai Expat in Italia. Sono nata a Bangkok e fino all’età di 10 anni ho vissuto in Thailandia. Dal 2000 vivo stabilmente a Genova, dove lavoro come food blogger e mi occupo anche di progetti editoriali, digital e food photography.